RISOTTANDO ALCHECHENGI E CAPASANTA CON CURTI

Una ricetta insolita per un piatto dal sapore particolare: risotto con alchechengi e capasanta
Risotto con alchechengi e capasanta_Carnaroli Curtiriso
Risotto con alchechengi e capasanta_Carnaroli Curtiriso

Quando si vuole festeggiare un evento importante, in compagnia delle persone care, si tenta di trovare la ricetta perfetta, magari un piatto insolito con almeno un ingrediente particolare che incuriosisca, come la pietanza che ci propone Roberta Spimpolo, nota sui social con il profilo Vaniglia e Rosmarino: risotto con alchechengi e capasanta.

Un primo che unisce una bacca con la “conchiglia di San Giacomo” in un mix ben bilanciato per sapori e colori. Ed allora bando alle ciance, vediamo subito come farlo! Allacciate i grembiuli e cucinate con noi!

Come fare il risotto con alchechengi e capasanta

Per la preparazione di 4 piatti occorrono:

320 gr di riso Carnaroli Curtiriso

12 capesante

20 alchechengi

½  cipolla

½  bicchiere di vino bianco

1 cucchiaio di prezzemolo

1 l di brodo vegetale

Sale, olio EVO e burro q.b.

Laviamo bene le conchiglie e teniamole da parte per la decorazione, ma prima togliamo il corallo dalla noce di ogni capasanta e tritiamolo al coltello. Tritiamo anche la cipolla finemente. Laviamo gli alchechengi e frulliamoli fino ad ottenere una cremina.

In una padella antiaderente facciamo soffriggere la cipolla con un filo di olio, uniamoci il corallo e facciamo insaporire. Uniamoci il riso, tostiamolo per qualche istante e poi sfumiamolo con il vino bianco lasciando evaporare la parte alcolica. Regoliamo di sale e continuiamo a mescolare incorporando man mano il brodo, che intanto avremo già preparato e mantenuto caldo.

A pochi minuti dal termine della cottura aggiungiamoci la crema di alchechengi e amalgamiamo bene. Intanto facciamo sciogliere il burro con le noci di capesanta, tritiamone 4 ed uniamole al risotto a fine cottura. Impiattiamo e ultimiamo ogni piatto con le conchiglie, due noci a testa sul risotto e del prezzemolo tritato. Serviamo e buon appetito! Autore: Marialuisa La Pietra

Se vuoi seguirci sui social, collegati alle nostre pagine FacebookInstagram, Linkedin Pinterest.

Categorie
News
Ricerca ricette



ARTICOLI CORRELATI