OCCHIO AL CHICCO: IL RISOTTO CARNAROLI BIO

Gerardo De Santo, cuoco per passione, ci propone un risotto creativo con il riso Carnaroli Bio: ingredienti e procedimento per realizzarlo
Risotto Carnaroli Bio
Risotto Carnaroli Bio

GJ Desa, ovvero Gerardo De Santo, neo-sommelier del riso, collaboratore di Acquaverderiso e cuoco per passione, prepara piatti gustosi con creatività. Su richiesta dei suoi amici, ha realizzato un risotto da leccarsi i baffi: risotto Carnaroli Bio Lomellina con gorgonzola, mascarpone, gel di mirtilli e nocciola Igp tostata di Alba.

Volete provare a sorprendere i vostri commensali?  Allacciate i grembiuli e mettiamoci ai fornelli.

Risotto Carnaroli Bio: ingredienti e procedimento

Consideriamo dosi per 2 persone.

Preparazione liquido di cottura e risotto

1,5 lt acqua bollente

10 g di sale grosso

180 grammi di Carnaroli BIO

15 g di scalogno

150 gr di mirtilli

10 g burro (mettere in freezer almeno 1 oretta)

30 g Parmigiano Reggiano 30 mesi

70 g di gorgonzola e mascarpone

10 cl di vino bianco aromatico (Gewurtztraminer/Sauvignon)

Olio Evo q.b.

Sale q.b

Procedimento

Prepariamo dapprima il liquido di cottura mettendo a bollire l’acqua con il sale grosso. Passiamo poi ai mirtilli: li laviamo accuratamente e li soffriggiamo in padella, a fiamma dolce, con olio Evo e scalogno tritato finemente. Aggiungiamo un pizzico di sale, un po’ di acqua di cottura e cuociamo a fiamma bassa fino ad ottenere una salsina vellutata. Per conferire l’effetto gel, uniamo mezzo cucchiaino di gomma di Xantano che andrà ad addensare la crema. Conserviamo la gelatina di mirtilli in uno squeezer.

A fiamma alta tostiamo il riso finché il chicco non sarà traslucido. Sfumiamo con il vino bianco e bagniamo il riso Carnaroli Bio un po’ per volta con l’acqua di cottura fino al completo assorbimento. Il risotto sarà cotto all’incirca dopo 16-17 minuti.

Togliamo dal fuoco il risotto e mantechiamo con burro, parmigiano, gorgonzola e mascarpone. Lasciamo riposare due minuti col coperchio e poi riprendiamo la mantecatura incorporando qualche mestolo di acqua di cottura calda per creare l’effetto onda.

Composizione piatto

Priviamo le nocciole del guscio e tostiamole in forno a 180-200 gradi per 10 minuti. Sfreghiamole con le mani fino ad eliminare la pellicina e tritiamole al coltello riducendole in granella (teniamone da parte qualcuna intera).

Raggiunta la consistenza desiderata del risotto, possiamo impiattarlo: battiamo con il palmo della mano sotto il piatto per stenderlo uniformemente, prendiamo lo squeezer con la salsa di mirtilli e decoriamo a spirale. Guarniamo con nocciole intere disposte in modo armonico e granella di nocciola. Buon appetito! Autore: Marialuisa La Pietra

Se vuoi seguirci su Facebook, collegati alla nostra pagina .

 

Categorie
News
Ricerca ricette



ARTICOLI CORRELATI