CARCIOFO EVERGREEN

Il carciofo è un classico nel risotto, ma è ottimo anche ripieno di riso
Carciofi per il risotto
Carciofi per il risotto

Il risotto ai carciofi è una delle ricette classiche della cucina italiana. Un primo piatto molto gustoso e semplicissimo da preparare. Inoltre, l’ingrediente base, il carciofo per l’appunto, fa bene all’organismo. Ha infatti proprietà diuretiche, epatoprotettive ed ipocolesterolizzanti. Le foglie, che contengono la cinarina, sostanza amara e aromatica, fanno inserire questo ortaggio nella categoria degli “amari”.

Nella preparazione del risotto si consigliano sempre le varietà di riso per risotti. L’Arborio e il Carnaroli sono i più conosciuti, ma anche Roma, Ribe, Vialone Nano e Sant’Andrea si prestano benissimo alla ricetta. Per il risotto ai carciofi è necessario tenere da parte le foglie esterne, pelare i gambi e infine affettare cuori e gambi sottilmente. Per contrastare l’amaro è necessario poi immergerli in acqua acidulata. Le foglie esterne possono essere utilizzate per il brodo, mentre passandole nel passaverdure possono creare una crema per la decorazione finale del risotto.

Quale varietà scegliere?

In Italia abbiamo il primato mondiale di produzione di carciofi. Le zone di maggiore produzione sono Sicilia, Sardegna e Puglia. Delle tante varietà di carciofo, il Tondo di Paestum e la Mammola romanesca sono IGP mentre il carciofo spinoso di Sardegna ha la Denominazione di Origine Protetta DOP. Dal punto di vista della coltivazione si possono dividere in due grandi famiglie: quella autunnale (detta anche “dei rifiorenti”, che dopo una stasi invernale riparte in primavera) e quella primaverile. Esistono circa 90 varietà di carciofi, tra cui anche alcune dalla produzione molto ristretta, come il romagnolo violetto di San Luca.

Nel Biellese è nata l’idea di una filiera del carciofo locale. Parte da quello “delle rive” di Coggiola, dove da anni un produttore ne sta sperimentando la coltivazione. La varietà più idonea, soprattutto per la resistenza al freddo, arriva dalla Germania settentrionale. Lo scorso autunno sono stati distribuiti 1200 carciofi di Coggiola posizionati in diverse carciofaie, che proprio in queste settimane daranno i loro frutti. Nascerà quindi un risotto ai carciofi biellesi?

Come fare i carciofi ripieni di riso

Un’idea diversa per unire carciofo e riso è quella di farli ripieni di riso. Bisogna preparare il risotto, che diventa il ripieno del carciofo. Per rendere più saporita la preparazione si possono aggiungere filetti di acciuga, che si sciolgono creando una crema. Una volta raffreddato il risotto al carciofo, si devono sistemare in una pirofila carciofi tagliati a metà. Ogni mezzo carciofo sarà coperto da una piccola cupola di risotto, spolverato di pangrattato e condito con un filo d’olio. Il passaggio in forno renderà più croccante e saporito il piatto. Buon appetito! Autore: Giulia Varetti

Se vuoi seguirci sui social, collegati alle nostre pagine Facebook, Instagram, Twitter, Linkedin e Pinterest.

Categorie
News
Ricerca ricette



ARTICOLI CORRELATI

  • Un risotto alla carbonara per deliziare il proprio palato, ecco la ricetta facile e veloce per farlo anche voi...
  • Un cremoso risotto con funghi porcini e stracciatella, una ricetta facile e veloce ideata dall’appassionato di food Luca Terralavoro...
  • Riso Buono accetta la sfida e parteciperà a Identità Golose, che quest’anno si svolgerà in modalità digitale a causa...
  • Perfetto per soddisfare il palato di tutti: risotto in crema di peperoni con salsiccia e asparagi...