UN CAVOLO VIOLA PER SAN VALENTINO

Cavolo viola, robiola e speck: dalle cucine dell’Agriturismo Vignarello di Tornaco (NO) ci arriva questo primo suggerimento per un risotto romantico di San Valentino. Normalmente l’agriturismo, che è un’azienda agricola del circuito Campagna Amica e produce prevalentemente mirtilli, frutti di bosco e riso Carnaroli, ha come specialità il risotto mirtilli e speck. Considerato che la stagione dei mirtilli non è ancora arrivata, ma mantenendo il colore viola della tradizione del luogo, ecco allora la proposta di un risotto al cavolo viola.

Il dott. Giovanni Cusaro, titolare dell’agriturismo e medico otorinolaringoiatra e fitoterapeuta, ci spiega i buoni motivi per consumare il cavolo viola: “Il colore viola di questa varietà di cavolo è dovuto agli antociani, di cui è ricco. Gli antociani sono diffusi in tutti gli ortaggi e la frutta di colore rosso, blu e viola: i mirtilli, che noi coltiviamo, ne sono un esempio, ma anche alcune varietà di riso pigmentato, le melanzane e, appunto, il cavolo viola. Hanno principalmente una funzione antiossidante e un’attività benefica sul microcircolo, aiutando in caso di fragilità capillare, ritenzione idrica e problemi agli occhi”.

Come preparare il risotto con cavolo viola, robiola e speck

Ingredienti per 4 persone

320g di riso Carnaroli

200g di cavolo viola (circa ¼ di cavolo)

100 gr di robiola

1,5l di brodo vegetale (preparato con carota, sedano e cipolla)

1 bicchiere di vino bianco

olio, sale e pepe qb

Prepariamo il brodo vegetale: in una pentola facciamo bollire per circa un’ora 1,5l di acqua con una cipolla, una costa di sedano e una carota. Filtriamo il tutto e manteniamo caldo.
Tagliamo a striscioline il cavolo viola. Facciamolo saltare in padella con un filo d’olio finché non sarà morbido. Frulliamolo quindi per ottenere una purea. Tagliamo a striscioline lo speck e saltiamolo in padella per qualche minuto finché non sarà croccante.

Tostiamo quindi il Carnaroli, sfumiamolo con il vino bianco e iniziamo la cottura aggiungendo gradualmente il brodo vegetale ben caldo. Qualche minuto prima di togliere il risotto dal fuoco, quando i chicchi saranno al dente, aggiungiamo la purea di cavolo viola e lo speck. A fiamma spenta mantechiamo con la robiola e serviamo. Buon appetito! Autore: Giulia Varetti

Se vuoi seguirci sui social, collegati alle nostre pagine FacebookInstagram, Twitter, Linkedin Pinterest.

Join the Conversation

Comments are closed.

Close
Your custom text © Copyright 2020. All rights reserved.