4 PASSI CON PANISSA

Per chi volesse scoprire l’arte e la cucina di Vercelli, domenica 17 febbraio l’imperdibile appuntamento “4 passi con panissa”. Organizzato dalla Locanda delle Lame in collaborazione con VCguido Vercelli, il tour artistico-gastronomico vi porterà alla scoperta delle eccellenze vercellesi.

La prenotazione è obbligatoria (entro il 15 febbraio).

Programma tour

Il ritrovo è previsto per le ore 10 in Piazza Roma (VC). Al timone Emanuela Fantini, guida turistica abilitata, che guiderà i partecipanti nella città con un tour (di circa 3 ore) alla Basilica di S.Andrea e al Centro storico. Non mancheranno poi le tappe in Piazza Cavour, alla Torre San Marco,  al celebre monumento medievale Broletto e al canale Cavour che ha segnato Vercelli come città del riso.

Inoltre, in occasione dell’anniversario della fondazione, la basilica di S. Andrea, costruita per volere del cardinale Guala Bicchieri nel 1219, ospiterà nei giorni successivi la Magna Charta.

A conclusione della visita guidata il pranzo (ore 12:30/13) alla Locanda delle Lame dove Serena PensaLuca Sorvillo, titolari del ristorante, saranno lieti di offrire il piatto principe di Vercelli: la panissa.

La locanda delle Lame

La locanda delle Lame, bar e ristorante dall’ottobre 2013, è inoltre info-point del Parco delle Lame del Sesia. Serena e Luca infatti effettuano servizi di noleggio biciclette e da oltre 3 anni hanno trasformato la struttura in un albergo a 3 stelle con 7 camere. Accanto ai due gestori, Anna e Valeria, responsabili della gestione del bar e del servizio in sala.

La panissa della Locanda delle Lame

Alla Locanda delle Lame per la preparazione della panissa si segue la tradizione vercellese e in particolare la tradizione delle nonne. Vediamo dunque per 4 persone quale siano gli ingredienti e il procedimento.

La sera prima si mettono a bagno i fagioli borlotti di Saluggia (una manciata a persona). Il giorno seguente si prepara il brodo vegetale con carote, sedano e cipolla in cui si mettono a bollire i fagioli scolati per circa 40 minuti.

Intanto si soffrigge una cipolla, fatta appassire in un fondo di olio extravergine di oliva (1 cucchiaio), una noce di burro e un cubetto di lardo. Quando è imbiondita si aggiunge un salame sotto grasso tagliato a pezzettini e si lascia soffriggere unendo il brodo se necessario.

A questo punto, tolto il lardo, nel fondo di cottura pronto e rosolato si fa tostare il riso Carnaroli (320 g) per 2/3 minuti, in modo che tutti i chicchi prendano calore. Si sfuma poi con un bicchiere di Barbera e si incorpora il brodo quanto basta per la cottura.  A circa metà di questa fase vengono aggiunti i fagioli e si regola di sale. Trascorsi in totale ( tra tostatura e cottura del riso) i canonici 18/19 minuti di cottura del riso, fuori dal fuoco si manteca con burro (2 noci) e parmigiano (2 cucchiai). Solo al tavolo si propone alla clientela di aggiungere una macinata di pepe nero.

Il costo è pari 30 euro a persona. Dopo il pranzo, per gli amanti delle passeggiate, il Parco delle Lame è l’oasi naturale perfetta per trascorrere un piacevole pomeriggio in compagnia. Autore: Marialuisa La Pietra

Se vuoi seguirci su Facebook, collegati alla nostra pagina .

Close
Your custom text © Copyright 2020. All rights reserved.