IL RISOTTO DI AMATRICE

Un sugo all’amatriciana è il protagonista del risotto di Prisca Motteran, una ricetta facile e veloce per un primo piatto ispirato ai sapori romani
Risotto all'amatriciana
Risotto all'amatriciana

Tanto famosa e rinomata, l’amatriciana generalmente viene preparata con i bucatini come da tradizione. Prisca Motteran ce la propone invece in una versione più sfiziosa: un bel risotto all’amatriciana! Un primo piatto in cui la sapidità del guanciale e del pecorino sposa la dolcezza della passata di pomodoro in un perfetto equilibrio di sapori.

Può essere un’ottima idea per un giorno di festa o per un classico pranzo della domenica. Pochi ingredienti, un pizzico di creatività, tanto amore et voilà.. il piatto è servito! Un impiattamento ad hoc perché l’attenzione all’aspetto estetico ha sempre la sua rilevanza, anche se alla fine a fare la differenza è sempre il gusto! Allacciate i grembiuli, andiamo in cucina!

Come preparare il risotto all’amatriciana

Per la preparazione di 4 piatti occorrono:

320 gr di riso Carnaroli

750 ml di brodo vegetale

200 gr di guanciale affettato

200 gr di passata di pomodori

1 scalogno

Olio evo e pepe q.b.

100 gr di pecorino a scaglie

4 cucchiai di pecorino grattugiato

1 noce di burro

Prima di tutto prepariamo il brodo vegetale e manteniamolo bollente. In un tegame intanto facciamo appassire lo scalogno tritato finemente. Ci versiamo il riso, lo tostiamo e bagniamo aggiungendoci gradualmente il brodo. Dopo una decina di minuti di cottura ci uniamo il sugo all’amatriciana ( preparato con una parte di guanciale soffritto, pomodoro ed un po’ di pecorino) e regoliamo di sale e pepe.

Appena il riso risulterà al dente, spegniamo la fiamma. Prendiamo il burro freddo, tagliamone un pezzetto (circa una noce) e andiamo a mantecare con l’aggiunta di pecorino grattugiato. Mentre lasciamo riposare il risotto per qualche istante, inforniamo per un paio di minuti il guanciale restante in modo che risulti bello croccante.

Impiattiamo ponendo al centro il risotto ( come a costituire una base) e a seguire ultimiamo ogni portata con il guanciale croccante sbriciolato e le scaglie di pecorino. Serviamo e buon appetito! Autore: Marialuisa La Pietra

Se vuoi seguirci sui social, collegati alle nostre pagine Facebook, Instagram, Linkedin e Pinterest.

Categorie
News
Ricerca ricette



ARTICOLI CORRELATI