SIAMO TUTTI SARDINE (ANCHE IL RISO)

Ricetta di Luciano Pellegrini ispirata al movimento politico bolognese

«Siamo tutti sardine, anche a tavola». Luciano Pellegrini, chef amatoriale di Chieti, celebra il movimento politico delle ‘Sardine’, nato in contrapposizione alla Lega a Bologna, con una ricetta dal sapore antico: il riso al pomodoro con sardine. «La sarda – racconta – è un pesce azzurro ed è molto apprezzato, perché è tra i prodotti ittici meno costosi sul mercato. Inoltre è un alimento che viene spesso consigliato da dietologi e nutrizionisti: ciò perché è ricca di proprietà benefiche che vanno ad agire su diversi sistemi dell’organismo. In questo caso, usiamo le sardine sott’olio perché nell’immaginario collettivo le sarde sono quelle fresche, mentre le “sardine” per antonomasia sono quelle sott’olio». Ecco la ricetta di Pellegrini.

Ingredienti per quattro persone: 320 grammi di Riso Arborio, 200 grammi di sardine sott’olio sgocciolate, 300 grammi di passata di pomodoro, 1 litro di brodo vegetale, 50 grammi di cipolla, 4 cucchiai di olio, 20 grammi di burro, sale q.b. ed erbe aromatiche (menta e finocchio) q.b.

Preparazione: il primo lavoro da fare è sgocciolare le sarde, per non eccedere con l’unto. In un tegame con fondo antiaderente, versare adesso i quattro cucchiai di olio e fare appassire la cipolla tritata, che non deve bruciare. Mettere il riso e farlo tostare. Sfumare con il brodo vegetale e lasciare evaporare, procedendo con la preparazione classica del risotto. A metà cottura, unire la passata di pomodoro, mescolare, far insaporire: ricordiamoci di versare un mestolo di brodo ogni volta che il risotto si asciuga. Cinque minuti prima del fine cottura, aggiungere i filetti di sarda, tenendone 3-4 pezzetti grossi per guarnire, quindi spegnere il fuoco. Unire il burro e mantecare per un paio di minuti, coprendo il tegame con il coperchio, per renderlo più cremoso. Si aggiungono le erbe aromatiche, si mescola e si serve. In questo caso, non mantechiamo con abbondante formaggio grana, per non coprire il gusto delle sardine.

Se vuoi seguirci sui social, collegati alle nostre pagine Facebook, Instagram e Linkedin.

Categorie
News



oppure


ARTICOLI CORRELATI