PANISSA A RESIDUO ZERO

Risoinfiore conclude il suo raccolto con la panissa a residuo zero: ingredienti e procedimento secondo la ricetta di nonno Mario
Panissa a residuo zero di Risoinfiore
Panissa a residuo zero di Risoinfiore

A conclusione del raccolto Risoinfiore celebra la curmura (incontro tra collaboratori dell’azienda che hanno partecipato alla campagna agricola) con un grande piatto: la panissa (a residuo zero).

«Per prepararla- ci dichiara la titolare Paola Fiore, uso la ricetta di mio papà (nonno Mario) che naturalmente è presente a controllare»

Come preparare la panissa a residuo zero

Per preparare la panissa a residuo zero occorrono:

1 kg di riso Gloria

brodo di carne e fagioli

1 hg lardo

3 hg fagioli di Saluggia

1 cipolla

1 salame sotto grasso

1 dado

pomodoro concentrato q.b

olio q.b

sale e pepe q.b

Per almeno una notte (circa 10 ore) si mettono in ammollo i fagioli.

Con un mix di costine, dado, carote, sedano, cipolle, acqua e fagioli si ottiene un brodo saporito per la cottura della panissa.

Si scolano i fagioli non ancora completamente cotti e si filtra il brodo.

Nel frattempo si prepara il soffritto con lardo, cipolle tritate finemente e salame spezzettato grossolanamente.

Si tosta il riso Gloria a residuo zero e si sfuma con il vino. Poco per volta si aggiunge il brodo, si sala e si pepa. A metà cottura si incorporano i fagioli e il concentrato di pomodoro. A cottura ultimata si lascia riposare per qualche minuto in modo da sprigionare tutti i sapori. Autore: Marialuisa La Pietra

Categorie
News



oppure


ARTICOLI CORRELATI