VENERE SEDUCE SANTINO CON I SAPORI DEL MARE

Per un piatto da re: risotto di Venere Sapise con scampi, calamaretti e vongole
Risotto di Venere Sapise con scampi, calamaretti e vongole
Risotto di Venere Sapise con scampi, calamaretti e vongole

Lo conosciamo come il re dei risotti (ne ha realizzati oltre 642!) o scherzosamente con l’appellativo “il santo patrono” dei risotti. Stiamo parlando dello chef Santino Strizzi, vice-presidente dei cuochi di Villa Santa Maria e dei cuochi della provincia di Chieti, talento innato della cucina e amante del riso tanto da averlo cucinato in tutti i modi! Per la ricetta che vi proponiamo oggi ha scelto il Venere Sapise, che ha insaporito con alcuni dei sapori del mare: scampi, calamaretti e vongole.

Il riso afrodisiaco e dalle ricche proprietà nutrizionali ha conquistato un posto nella cucina dello chef, che grazie alle sue abilità creative lo ha abbinato ad ingredienti che possano valorizzarne colore, profumo e consistenza. Ed ecco che con una ricetta facile e veloce potrete portare in tavola un piatto goloso e sfizioso. Vediamo come prepararlo.

Come preparare il risotto di Venere Sapise con scampi, calamaretti e vongole

Per 4 piatti occorrono:

320 gr di riso Venere Sapise

1 cipolla affettata sottilmente

4 cucchiai di olio EVO

16 scampi

300 gr di calamaretti puliti

500 gr di vongole nostrane (venus gallina/ paparazze)

Prezzemolo q.b.

900 cl di fumetto di pesce

40 gr di burro

1 bicchiere di Pecorino brut

Peperoncino e pepe q.b.

1 limone

Procedimento

In abbondante acqua salata leggermente mettiamo a bollire il riso Venere per una ventina di minuti circa. Nel frattempo puliamo i calamaretti, sgusciamo gli scampi e con gli scarti prepariamo il fumetto di pesce. Apriamo le vongole e mettiamole da parte.

Ingredienti per il risotto di Venere Sapise

Ingredienti per il risotto di Venere Sapise

In un padellino facciamo cuocere i calamaretti con un cucchiaio di olio  per 4 minuti, li togliamo e mettiamo da parte. Nella stessa padella ci scottiamo gli scampi con la scorza di limone e il succo di uno spicchietto, li cuociamo per due minuti e poi li teniamo da parte.

In un tegame capiente facciamo appassire per 5 minuti, a fuoco basso, la cipolla con un filo di olio e poi la mettiamo in una ciotolina. Nello stesso tegame ci versiamo il riso, che avremo già scolato, lo tostiamo per circa due minuti e lo sfumiamo con il brut lasciandone evaporare l’alcool. Ci uniamo la cipolla appassita e lo portiamo in cottura bagnandolo con un mestolo di fumetto, alternato all’occorrenza con l’acqua delle vongole. Proseguiamo la cottura per 15 minuti. Ci aggiungiamo le vongole, i calamaretti e gli scampi e continuando a mescolare facciamo cuocere il tutto per altri 3 minuti.

A fiamma spenta, mantechiamo energicamente con burro freddo. Impiattiamo ed ultimiamo con prezzemolo, una spolverata di pepe e/o peperoncino. Serviamo e buon appetito! Autore: Marialuisa La Pietra

Lo chef Santino Strizzi mostra il piatto realizzato

Lo chef Santino Strizzi mostra il piatto realizzato

Se vuoi seguirci sui social, collegati alle nostre pagine Facebook, Instagram,Twitter, Linkedin e Pinterest.

Categorie
News



oppure


ARTICOLI CORRELATI

  • Una pasta buona, profumata, leggera e molto digeribile: le tagliatelle preparate con farina di riso Venere, da condire a...
  • Un primo piatto raffinato e ben presentato: risotto in salsa di asparagi, fonduta di pecorino senese e tuorlo fritto,...
  • Un piatto tipico dell’Italia meridionale: risotto al datterino con mozzarella di bufala e peperoncini verdi fritti, preparato dal personal...
  • Sul nostro sito trovi tante ricette a base di riso con cui deliziare il palato: dall’antipasto al dolce, hai...