POLVERE DI RISO NERO NOVARESE

Carnaroli al basilico con polvere di riso nero Artemide tostato
Risotto al basilico con polvere di riso nero
Risotto al basilico con polvere di riso nero

A un semplicissimo risotto al basilico aggiungiamo la polvere di riso nero novarese tostato e il risultato sarà strabiliante! Per fare questo, vi suggeriamo di sperimentare tra i tanti risi neri del territorio novarese, in collaborazione con Stampa Diocesana Novarese.

Ma perché questo legame così forte tra il riso nero e le risaie della città della cupola? Perché negli anni Novanta proprio qui, nelle risaie di Casalbeltrame, nacque il celebre riso nero Venere, dall’incrocio tra un riso nero cinese e un riso bianco italiano. Il classico sentore di pane appena sfornato durante la cottura, l’acqua che diventa nera, il chicco piccolo, croccante e aromatico, lo rendono riconoscibilissimo. Nelle stesse terre, anni dopo, altri incroci portarono alla nascita di Artemide, un riso nero dal chicco aghiforme dato dall’incrocio tra il riso Venere e un riso Lungo B (come il Basmati, ma italiano). Il risultato è ancora più particolare, proprio per la forma e la consistenza del chicco.

Come preparare il risotto al basilico con polvere di riso nero tostato

Ingredienti per 4 persone

320g di riso Carnaroli

mezza cipolla bionda di Cureggio e Fontaneto

1/2 bicchiere vino bianco

1,5l di brodo vegetale

16 foglioline di basilico

100g di riso nero Artemide

burro e parmigiano qb

Prepariamo subito la polvere di riso nero. Tostiamo in forno a 60° il riso per qualche minuto, finché non sentiremo un profumo che ricorda quello dei pop corn. Possiamo fare lo stesso passaggio in una padella pulita, su fuoco medio. Una volta tostato “a secco” il riso, passiamolo in un frullatore a lame, ottenendo una polvere grossolana: ecco la nostra polvere di riso nero. Passiamo ora alla preparazione del classico risotto. Tritiamo finemente la cipolla bionda e rosoliamola in padella con una noce di burro. Aggiungiamo quindi il Carnaroli e tostiamolo, sfumandolo poi con il vino bianco. Procediamo alla cottura aggiungendo gradualmente mestoli di brodo vegetale bollente, precedentemente preparato e filtrato. Quando il riso sarà al dente, aggiungiamo le foglioline di basilico tritate al coltello (lasciamone qualcuna per la decorazione), il burro e il parmigiano per la mantecatura. Lasciamo riposare qualche minuto e impiattiamo, decorando con le foglioline di basilico e con una bella spolverata di polvere di riso nero. E buon appetito! Autore: Giulia Varetti

Se vuoi seguirci sui social, collegati alle nostre pagine FacebookInstagram, Twitter, Linkedin Pinterest.

Categorie
News
Ricerca ricette



ARTICOLI CORRELATI