IL RISOTTO SI TINGE D’AUTUNNO!

L'autunno, con i suoi ingredienti tipici, cambia le tinte anche del risotto: arancio, giallo, rosso e marrone
Risotto con zucca e castagne, formaggio erborinato Edelpilz e amaretti
Risotto con zucca e castagne, formaggio erborinato Edelpilz e amaretti

Siamo nella stagione dei colori caldi: arancio, giallo, rosso, marrone. L’autunno, con i suoi ingredienti tipici, cambia le tinte anche del risotto, proponendo ricette gustose e al tempo stesso salutari. Parlando di risotto, la varietà di riso consigliata è sempre della famiglia dei superfini, come il Carnaroli (amato dagli chef), l’Arborio (il più celebre all’estero) o il Sant’Andrea (il cremoso, per eccellenza).

Risotto con zucca, castagne, erborinato e amaretti

Il risotto dell’autunno (la ricetta completa si trova qui e ne parla anche ItaliaDelight, portale di descrizione e prenotazione delle esperienze enogastronomiche di qualità in Italia) nasce dal contrasto arancione della zucca con il marrone delle castagne, su cui spicca il bianco e verde dell’erborinato. Cremosità e croccantezza si completano alla fine con la nota dolce del crumble di amaretti. Bello, buono e anche salutare.

Le castagne, per prima cosa, sono ricche di fibre e hanno un apporto calorico piuttosto alto (quasi 300 calorie su 100 grammi), andando a coprire l’apporto di zuccheri del piatto. Nonostante il gusto dolciastro, invece, la zucca ha un quantitativo di zuccheri molto basso se rapportato alla grande quantità di acqua e poche calorie, quindi equilibra benissimo il piatto. Le note dolci di questi ingredienti contrastano con il formaggio erborinato, che nelle terre di produzione del riso italiano è solitamente il Gorgonzola DOP, dolce o piccante (stagionato). Se questi tre elementi conferiscono grande cremosità alla ricetta, c’è bisogno di un tocco finale di croccantezza: ecco quindi il crumble di amaretti, che è la coccola finale per l’arrivo dei primi freddi di stagione.

Riso, latte e castagne: la tradizione contadina

Vi siete innamorati dell’abbinamento riso e castagne? In effetti è una delle tradizioni contadine delle zone di produzione del riso. La minestra (qui la videoricetta completa) ottenuta con il latte, in cui era cotto il riso insieme alle castagne (lessate o secche e lasciate in ammollo per una giornata) è sempre stata il piatto che dall’autunno traghettava verso l’inverno, nel periodo del taglio del riso. Anche qui c’è la variante con la zucca, per una nota più dolce e un colore più caldo nel piatto. Autore: Giulia Varetti

Se vuoi seguirci sui social, collegati alle nostre pagine Facebook, Instagram e Linkedin.

Categorie
News
Ricerca ricette



ARTICOLI CORRELATI

  • Un risotto alla carbonara per deliziare il proprio palato, ecco la ricetta facile e veloce per farlo anche voi...
  • Un cremoso risotto con funghi porcini e stracciatella, una ricetta facile e veloce ideata dall’appassionato di food Luca Terralavoro...
  • Riso Buono accetta la sfida e parteciperà a Identità Golose, che quest’anno si svolgerà in modalità digitale a causa...
  • Perfetto per soddisfare il palato di tutti: risotto in crema di peperoni con salsiccia e asparagi...