RISOTTANDO LA CARBONARA CON RISO GOIO 1929 DOP

Una rivisitazione della tradizionale ricetta per un piatto gustosissimo: il risotto alla carbonara con S.Andrea Riso Goio 1929 Dop ideato da Adriano Vicini
Risotto alla carbonara_Riso Goio 1929 Dop
Risotto alla carbonara_Riso Goio 1929 Dop

Se nella ricetta tradizionale l’uovo viene amalgamato con la pasta, nel piatto ideato da Adriano Vicini il tuorlo è fritto. Risultato? Un risotto alla carbonara dal cuore cremoso.

Per la realizzazione del piatto il musicista ha scelto  S.Andrea di Riso Goio 1929 Dop della Baraggia Biellese e Vercellese, che ben si lega agli ingredienti dando vita ad una gustosissima interpretazione della carbonara.

Come preparare il risotto alla carbonara con Riso Goio 1929 Dop

Per la preparazione del primo piatto per 4 persone occorrono:

320 gr di S.Andrea di Riso Goio 1929 Dop

250 gr di guanciale

80 gr di pecorino romano

4 uova fresche

200 gr di pangrattato

1 lt di olio di semi per friggere

300 ml di vino bianco (o prosecco)

1000 ml di acqua

Sale e pepe nero q.b.

Prendiamo un piatto fondo, stendiamoci un letto di pangrattato di circa 1 cm e adagiamoci i tuorli delle uova ( fate attenzione a separarli bene dall’albume). Ricopriamo delicatamente con altro pangrattato e lasciamoli riposare in frigorifero per almeno 2 ore e mezza.

Intanto tagliamo a cubetti il guanciale, facciamolo sudare in padella finché non sarà bello croccante e teniamolo da parte. Grattugiamo il pecorino, versiamoci un po’ di acqua tiepida ed una macinata di pepe nero ed amalgamiamo bene il tutto.

Tostiamo a secco il riso, sfumiamolo con il vino e poco per volta aggiungiamoci l’acqua bollente leggermente salata. Dopo circa 10 minuti vi uniamo i cubetti di guanciale ( senza il grasso sciolto, che lo conserviamo per la mantecatura).

A fuoco spento lo mantechiamo con il grasso di guanciale e la crema di pecorino. Pepiamo e lasciamo a riposo per un paio di minuti.

Nel frattempo togliamo i tuorli dal frigo (eliminiamo il pangrattato in eccesso facendo attenzione a non rompere il tuorlo) e friggiamoli per 20 secondi in olio bollente.

Impiattiamo il risotto con l’aiuto di un coppapasta. Lo ultimiamo con l’aggiunta del tuorlo fritto che rompiamo appena per lasciarlo colare così da insaporire il risotto e creare un contrasto di colore con il fondo nero del piatto. Buon appetito! Autore: Marialuisa La Pietra

 

Impiattamento risotto alla carbonara_Riso Goio 1929 Dop

Impiattamento risotto alla carbonara_Riso Goio 1929 Dop

Risottando con… è una campagna promossa da Risotto.us per far incontrare chef e blogger con le cascine che producono e vendono riso (contatto direzione@risotto.us)

Se vuoi seguirci sui social, collegati alle nostre pagine Facebook, Instagram e Linkedin

Categorie
News
Ricerca ricette



ARTICOLI CORRELATI